Hai bisogno di una consulenza? Contattaci per avviare la tua pratica
telefono sgambato associati 0823 751665

Malasanità

La malasanità è una piaga che attanaglia i nostri giorni, è una carenza/mancanza da parte dei professionisti del settore medico sanitario che causa danni a soggetti che hanno subito un errato intervento medico nelle sue molteplici sfaccettature oppure un'errata o tardiva diagnosi.

Un team di avvocati specialisti della delicata materia sono a totale servizio del cliente che ha subito un errato intervento chirurgico o un errata/tardiva diagnosi che quindi ha causato allo stesso un danno patrimoniale o/e non patrimoniale.

Or bene al fine di individuare fin da subito eventuali responsabilità professionali, lo studio legale Sgambato e associati si avvale di eccellenti e scrupolosi professionisti, medici legali e specialisti di settore affinchè dalla stretta collaborazione di questi ultimi con avvocati altamente specializzati nella materia si possa elaborare una strategia difensiva di sicuro successo.

punti di foza consulenza legale malasanità

I Nostri Punti di Forza per una causa di Malasanità

  • Attivazione Gratuita
  • Nessun costo istruttoria pratica
  • Compenso solo sul recuperato
  • Attivi in in tutta Italia
  • Elevata qualità e professionalità del lavoro prestato
  • Capacità di fornire soluzioni su misura rapide e vincenti
  • Massima trasparenza delle soluzioni adottate
  • Tempestività nella risoluzione delle problematiche

Casi di Malanità? Vi aiutiamo noi

Lo studio legale Sgambatoassociati da diversi decenni è al servizio dei propri clienti nel trattamento dei casi di malasanità che quotidianamente si verificano su tutto il territorio nazionale. Quando si ha a che fare con il bene "vita" o con il bene "salute umana" bisogna mettere in campo tutta l'esperienza e tutta la preparazione di settore che ci contraddistingue da diversi anni. Solo attraverso una preparazione professionale approfondita e ad una particolare dedizione e dimestichezza si possono trattare argomenti così delicati, senza dubbio si può affermare che il nostro studio rappresenta un punto di riferimento in ambito nazionale ed internazionale nella trattazione di casi di malasanità. Lo studio legale Sgambatoassociati si prende cura dei propri clienti fin dal primo momento, ovvero fin da quando il primo giorno il cliente si rivolge a noi per chiedere informazioni su come comportarsi su tale argomento. Tra il professionista e il cliente si crea una profonda empatia che si protrarrà nel tempo fino all'emanazione della sentenza di risarcimento danni. Solo grazie ad una approfondita cultura di settore, i nostri legali seguiranno e gestiranno tutto l'iter risarcitorio tanto stragiudiziale quanto giudiziale innanzi alle competenti autorità. Solo attraverso tanta trasparenza, esperienza e collaborazione i nostri legali seguiranno le varie questioni prospettate coordinando al meglio le varie strategie difensive tenendo sempre i clienti aggiornati su ogni risvolto.

Come denunciare un caso di malasanità?

Il primo approccio tra il cliente e l'avvocato è volto alla narrazione dei fatti per i quali il cliente stesso ha deciso di rivolgersi ad un legale. In questa occasione, dunque, il cliente porta a conoscenza il legale di quali sono, secondo il suo punto di vista i danni che ha subito a seguito di un episodio di malasanità. Detto ciò un legale con esperienza decennale di settore già saprà dire se ci sono i presupposti per intentare tale azione, e quali possono essere i risvolti. Qualora l'avvocato ritiene che ci siano i presupposti per tale azione chiede al cliente tutta la documentazione medica attinente al caso specifico o ne fa richiesta all'ospedale ove il cliente è stato ricoverato. Una volta in possesso della documentazione medica completa, la sottopone all'attenzione di uno studio medico specializzato per quel tipo patologia, il quale redige una perizia di parte dettagliata ove scientificamente evidenzia l'errore medico commesso e lo quantifica in termini economici. Una volta che si palesa il danno in correlazione con un episodio di malasanità, si procede con una richiesta di risarcimento danni stragiudiziale rivolta solitamente al singolo medico che ha posto in essere tale condotta errata e all'ospedale ove tale medico opera. Quasi mai si raggiunge un accordo stragiudiziale poichè il medico tende a disconoscere tale episodio, a meno che non è un danno di palese evidenza. Ultima tappa è la richiesta in giudizio del risarcimento danno mediante atto di citazione. In questa fase solo grazie ad una dettagliata esposizione dei fatti provata e sostenuta da una dettagliata documentazione medica si riesce ad orientare il giudizio del giudice chiamato a pronunciarsi. Ultima parola "sull' an e sul quantum" è demandata ad un consulente tecnico nominato dal giudice il quale dopo aver approfondito la questione redige una perizia tecnica volta a far conoscere al giudice la verità. Dopodichè la causa è matura per la decisione.

Chi mi può aiutare ad intentare una causa di malasanità?

Malasanità: a chi rivolgersi

Solo uno studio legale con tantissima esperienza nel settore dei risarcimenti danni per casi di malasanità può concretamente aiutare un cliente ad intentare un'azione giudiziaria del genere.

Solo un avvocato esperto in casi di malasanità può risultare decisivo nella vittoria di tale giudizio, in quanto, solo grazie a tanta esperienza e cultura di settore si riesce a scegliere la strategia vincente. La parola chiave per affrontare tale variegata e complessa materia è "esperienza", solo grazie alla pluriennale esperienza si intraprende una strategia difensiva piuttosto che un'altra, solo grazie allo studio di settore si conosce l'orientamento giurisprudenziale in virtù del quale orientare le scelte.

Quali sono i tempi per fare una denuncia di malasanità?

Il diritto a richiedere un risarcimento danni per casi di malasanità si prescrive in 10 anni. Ai sensi dell'art. 2946 c.c. tale diritto si estingue in 10 anni. A questo punto la domanda sorge spontanea: da quando inizia a decorrere tale termine? Secondo un orientamento giurisprudenziale ormai superato tale termine di prescrizione inizia a decorre dal compimento dell’atto lesivo da parte del medico, quindi da quando ha posto in essere una condotta errata nello svolgimento delle sue funzioni. Oggi invece un nuovo orientamento giurisprudenziale prevede che il termine di prescrizione inizia a decorrere da quando il danno si palesa, ovvero da quando i sintomi vengono fuori e non da quando il medico ha operato. Conseguenza di ciò è un netto allungamento dei termini di prescrizione.

Ok - Messaggio inviato

Il messaggio è stato inviato con successo

La ringraziamo per averci contattati.
Un nostro agente la ricontatterà al più presto.

AVVIA LA PRATICA

COMPILA IL MODULO SOTTOSTANTE

!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
!
?
!
!
!
!
!
!

CIFRA DA RECUPERARE

COSA RICHIEDI

?

DESCRIVI IL TUO CASO

!
!